Ciao! Sono Marcello.
Benvenuto sul mio diario fotografico.
Sono un appassionato di fotografia e qui potrai trovare alcuni lavori e pensieri rappresentativi del mio stile fotografico.
Buona visione!

 

Samyang 12/f2 vs Laowa 9/f2.8

Per fotografare delle stelle sto usando da parecchio tempo il Samyang 12 f/2, ottica che ho scelto, per la sua grande luminosità. Adesso ho affiancato il Venus Laowa 9mm /f2.8 e vi racconto come sono arrivato a questa scelta. Il tutto ovviamente per il mio corredo Fuji.

Mi viene in mente di parafrasare la famosa pubblicità “per una grande parete ci vuole un grande pennello” ecco direi per che per fotografare la volta celeste ci vuole un grande grandangolo. Non un grandangolo grande (e pesante)!

Mi viene in mente di parafrasare la famosa pubblicità “per una grande parete ci vuole un grande pennello” ecco, direi che per fotografare la volta celeste ci vuole un grande grandangolo non un grandangolo grande (e pesante)!

(nella foto: Enzo De Toma nello spot del Pennello Cinghiale)

Samyang  12 f/2

Ho iniziato a fotografare le stelle con il Fujinon XF 10-24/f4 , ottima ottica ma che non mi consentiva di fotografare la Via Lattea con ISO relativamente bassi e tempi coerenti.  Sono quindi passato al Samyang 12/f2 che mi sta dando tante soddisfazioni. Con la sua apertura a f2 riesco a fotografare la Via Lattea con ISO 3200 e 15 secondi di scatto. Tutto a posto quindi? Si e no. Se per fare dei panorami, ad esempio per fotografare tutto l’arco della Via Lattea, posso fare più scatti da unire in post produzione, questa tecnica non mi è possibile per fotografare uno Startrail. Ho quindi pensato di affiancargli e di sperimentare un’ottica con un analogo di campo più largo (ndr: il 10-24 nel frattempo è stato rivenduto).

La scelta

Ovviamente doveva essere un ottica più ampia del 12mm in mio possesso, le soluzioni per il corredo Fuji XF possono essere: Il Fujinon XF 8-16 o il XF 10-24, ottime ottiche con AF (plus non necessario) forse un po troppo costose e pesanti. Oppure il Samyang 10 f/2.8, ed appunto ancora il più ampio Venus Laowa 9 /f2.8. Andando oltre si entra nel modo dei fisheye e non era il mio caso. Mi sono letto un po di recensioni sul web e ho poi deciso di prendere il Laowa. Ottica che sono riuscito a reperire sul mercato dell’usato.

Tecnicamente

Forse l’ultimo obiettivo entrato in un corredo fotografico è sempre il più coccolato ma questo mi ha veramente sorpreso. Non lo avevo mai avuto fra le mie mani prima. Piccolo, molto piccolo! Ben costruito, con un ottima impressione di solidità. Si accora accoppia bene al corpo macchina. Ghiere fluide e precise. Un piccolo paraluce solido che ben si fissa. Non distorce, il nome Zero-D è appropriato. Qui una foto con tante linee.

Come dal nome dell’ottica Zero-D

Unica pecca che ho trovato è che a 2.8 non sembra che il diaframma abbia un bel click per rimanere li bloccato. Ma questo non è assolutamente per me un problema, anche perché lo scopo è quello di fotografare con tempi molto lunghi per avere il movimento delle stelle da poi unire in postproduzione. In generale rispetto al Samyang il Laowa da l’impressione di apparente ad una fascia premium superiore, anche il prezzo sul nuovo lo pone un gradino sopra.

Quanto è ampio

Con il Laowa 9 /f2.8 si ha una angolo di campo equivalente di un 13,5 mm su FF contro i 18mm equivalenti del Samyang 12/f2. In gradi si passa dai 98,9° del 12mm ai 113° del 9mm. Si, ma tradotto nelle foto? Sono solo 14,1°. Cosa sarà mai? Che differenza c’è fra un 18 e un 14? Per meglio evidenziare questi pochi gradi ho fatto questo test: Macchina sul cavalletto, due foto con le due ottiche e le ho poi sovrapposte scalando al centro la foto scattata con il il Samyang su quella scattata con il Laowa. Tutte le foto per questo test sono state scattate a f11, ISO 200 ed esposizione automatica.

Sullo sfondo la foto con il 9mm. Nel riquadro rosso la foto scalata ripresa con il 12mm
Altro confronto, 98,9° sopra 113° – 18mm su 13,5mm

Qua invece a sinistra il 12mm e a destra il 9mm.

Concludendo

Per la prossima uscita a fotografare le stelle punterò metterò alla prova il Laowa 9mm per uno stratrail. Un angolo di campo più ampio mi aiuterà di certo per inquadrare una maggiore porzione di cielo e per così inserire al meglio la Stella Polare nell’inquadratura.

Questo articolo finisce qui! Non mi resta che andrà a fotografare!

Potresti essere interessato in …